Gruppo Grigolin: integrazione a monte e a valle

Nel corso della sua lunga storia, il Gruppo Grigolin ha sempre puntato a completare la propria organizzazione con tutte le tecnologie necessarie per poter offrire al mercato edile una gamma completa di soluzioni per massimizzare il risultato.
 
Lo sviluppo del Gruppo è avvenuto in tempi rapidi attraverso l’acquisizione di importanti aziende specializzate in vari settori.
 
Le tappe fondamentali dell’espansione sono state le seguenti:
 
1963
Costruzione del primo forno per la calce
 
1966
Inizia la diversificazione delle attività. Viene realizzato un piccolo impianto di lavaggio e selezione della ghiaia. 
Vengono costruite altre due fornaci a quattro bocche.
La capacità produttiva diventa di 130 quintali al giorno.
 
1975
Roberto e Maurizio Grigolin affiancano il padre in azienda. 
 
1977
Viene acquisita l’azienda Superbeton, che consente di entrare nel settore dei calcestruzzi preconfezionati. 
 
1978
A soli 56 anni Giobatta Grigolin viene a mancare, ma Roberto e Maurizio, nel frattempo cresciuti imprenditorialmente, assumono con successo la gestione dell'azienda.
 
1980
Con l'ingresso di Valerio, il terzogenito, l'azienda viene organizzata e si struttura come gruppo: ognuno assume ruoli e competenze precise.
 
1982
Superata la crisi economica degli anni '70, l'azienda assume il controllo di Italghiaia, azienda specializzata nella produzione di conglomerati bituminosi. 
Valerio Grigolin iniziò a guidare il settore degli asfalti. 
 
Il disegno imprenditoriale, iniziato da Giobatta e perseguito con determinazione dai figli, diventa a questo punto una realtà.
La sinergia ottenuta dalla diversificazione delle attività dà inizio ad un processo di crescita importante.
 
1983
Un altro dolore segna la famiglia Grigolin: muore, appena ventitreenne, Valerio che aveva dimostrato grandi capacità imprenditoriali.
Sarà Renato, l'ultimo dei quattro figli, qualche anno dopo, a seguire lo sviluppo del settore asfalti.
 
1990-1997
E’ un periodo di numerose acquisizioni e di nuove attività intraprese sia nel settore dei calcestruzzi sia nel settore dei conglomerati bituminosi. 
Vengono anche rilevate aziende di costruzioni stradali e generali tecnologicamente all'avanguardia per potersi espandere anche in questo mercato.
Poi con l'acquisizione dell’azienda Tesi System, il gruppo entra anche nel settore dei prefabbricati. 
Infine, si concretizza il progetto di espansione geografica con l’acquisto di un'azienda di Ferrara con impianti di asfalti e calcestruzzi.
 
1998 - oggi 
Il Gruppo ha sviluppato e consolidato le proprie attività sfruttando le sinergie costruite negli anni ed oggi è un gruppo con oltre 300 milioni di euro di fatturato, oltre 700 dipendenti, più di 88 unità produttive e oltre 850 automezzi.
 
L’azienda è diventata così il fulcro di un moderno gruppo industriale, leader di settore, che riesce ad esprimere il suo valore attraverso:
- grandi sistemi di sinergie;
- diversificazione e verticalizzazione dei settori produttivi;
- sviluppo tecnologico e ricerca applicata;
- continua attenzione ai valori dell'ambiente.
 
Tutto ciò ha consentito di ottenere un mix imprenditoriale dove evoluzione e competizione sintetizzano la filosofia dell'azienda.
×
 
 
×